Conferenza per le celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri

Mercoledì 15 settembre 2021 ore 18,30
Sala degli Specchi – Teatro Valli, Reggio Emilia

Celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri

VIAGGIANDO TRA LE MONTAGNE DI DANTE

Conferenza del prof. GIULIO FERRONI
Emerito dell’Università La Sapienza di Roma

e con la partecipazione di:
Faustino Stigliani – letture testi di Dante
Paolo Simonazzi – ghironda
Emanuele Reverberi – viella
musiche del XIV secolo

Ingresso libero su prenotazione (tel. 339 7936725 oppure 339 2997915)
entro il 10 settembre e fino ad esaurimento posti

Premio Arti e Scienze Reggiane

PREMIAZIONE FAR-Studium Regiense
“Arti e Scienze Reggiane”
Ia edizione

17 giugno 2021
Aula Magna Università di Modena e Reggio Emilia

 La Cerimonia ha visto la premiazione di quattro concittadini che si sono particolarmente distinti, specie a livello internazionale, nei settori delle Arti e delle Scienze.

VASCO ASCOLINI, Fotografo

La sua fotografia, che si distingue per il tratto scuro, nero, in contrasto con il bianco, ha avuto riconoscimenti, con l’ esposizione e conservazione di sue fotografie,   a New York, presso il MOMA ed il Metropolitan Museum, al Guggenhiem Museum,  al Lincoln Center Public Library, alla Università del Texas, alla Fondazione Italiana per la fotografia di Torino, alla Bibliothèque Nationale de France, al Musèe Carnavalet, al Tokio College of Photography in Giappone ed al Victoria&Albert Museum di Londra. Ha avuto ulteriori riconoscimenti prestigiosi, quali la nomina a “Chevalier de l’Ordre des Artes et des Lettres” dal Ministero della Cultura Francese e la Grande Medaglia della Città di Arles. Con la sua arte ha contribuito a valorizzare la città di Reggio Emilia nel mondo.

Motivazione della premiazione
Per la lunga ed intensa attività nel settore della fotografia e per i riconoscimenti significativi in Italia ed all’Estero.

 

ROBERTO OROSEI, Astrofisico

Laureato a pieni voti, con lode, in Astronomia presso l’Università di Bologna, ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Telerilevamento presso l’Università La Sapienza di Roma. E’ Primo ricercatore presso l’Istituto Nazionale di Astrofisica e Docente a contratto all’ Università di Bologna. E’ stato Ricercatore presso l’Istituto di Astrofisica Spaziale del Consiglio Nazionale delle Ricerche, e Research Fellow presso lo European Space Research and Technology Centre dell’European Space Agency. Ha ricevuto diversi riconoscimenti internazionali per il suo lavoro nel campo delle scienze spaziali ed è stato relatore al Nobel Week Dialogue a Stoccolma nel 2018. E’ Principal investigator del radar italo-americano MARSIS a bordo della sonda europea Mars Express, le cui osservazioni hanno reso possibile la scoperta dell’acqua su Marte dopo quasi dieci anni di lavoro di un gruppo di ricercatori italiani da lui guidato.

Motivazione della premiazione
Per avere guidato il gruppo che ha identificato la presenza di acqua liquida sotto la calotta polare meridionale di Marte, una scoperta che apre alla possibilità che la vita possa essere presente sul pianeta rosso. Questo risultato ha dato lustro e rinomanza internazionali alla comunità scientifica italiana e ha implicazioni che riguardano non solo l’esplorazione del sistema solare, ma anche la ricerca della vita su pianeti di altre stelle, e per questo costituisce un tassello nel mosaico della comprensione dell’origine e del destino della nostra specie.

LIU’ PELLICIARI, violinista

Diplomata a pieni voti con lode al Conservatorio G. Nicolini di Piacenza e al Konservatorium Wien Privatuniversitaet, sotto la guida di P. Vernikov, dove ha conseguito il titolo di Master of Arts. Perfezionatasi poi all’Accademia W. Stauffer, con la direzione di Salvatore Accardo e all’Accademia Chigiana di Siena, dove ha ricevuto il Diploma di Onore. E’ vincitrice di numerose borse di studio e di primi premi in concorsi nazionali ed internazionali ed è inoltre divenuta artista associato presso la Chapelle Musicale Reine Elisabeth di Bruxelles. E’ docente di musica da camera.

Motivazione della premiazione
Per le sue qualità artistiche e per aver contribuito a costituire nel 2015 il prestigioso Quartetto Adorno, del quale fa parte insieme ad altri tre validi artisti, dando continuità al celeberrimo Quartetto Italiano nato nella nostra città.

 

PAOLO STORCHI, Archeologo

Laureato a pieni voti, con lode, la laurea in lettere classiche curriculum archeologico e la specialistica in “Archeologia e Cultura del Mondo Antico” presso la Facoltà di lettere e Filosofia dell’Università di Bologna. Si specializza, ottenendo sempre il massimo dei voti e la lode, presso la Scuola di Dottorato di Archeologia della Università Sapienza di Roma. Professore di “Archeologia del Paesaggio” presso la Facoltà dei Beni culturali dell’Università di Bologna, campus di Ravenna.

Tra le scoperte più importanti si annoverano:

– quella del Teatro di Euripide a Pella e di un teatro ed anfiteatro a Calcide entrambe in Grecia;
– quella dell’antico centro celtico e città di “Tannetum”, tra Taneto e S. Ilario d’Enza;
 – l’individuazione di uno fra i più antichi castelli d’Italia insieme alla scoperta degli scacchi islamici negli scavi del Castellazzo.
Ha contribuito a far conoscere queste scoperte in rinomati Atenei italiani ed esteri valorizzando conseguentemente anche la nostra città.

Motivazione della premiazione
Per avere scoperto alcuni siti archeologici importanti sia nel reggiano sia a livello internazionale ed aver contribuito alla valorizzazione culturale del nostro territorio e di alcuni comuni italiani specie nella Marche e nel Piacentino.

 

Altre foto della premiazione


 

Premio Arti e Scienze Reggiane

Giovedì 17 giugno 2021 ore 18,30

Aula Magna «Pietro Manodori»
UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA
Via Allegri, 9 | Reggio Emilia
PREMIO
ARTI e SCIENZE REGGIANE
Ia EDIZIONE

La Cerimonia prevede la premiazione di quattro concittadini che si sono particolarmente distinti, specie a livello internazionale, nei settori delle Arti e delle Scienze.

INGRESSO LIBERO

Prenotazione fino ad esaurimento posti entro martedì 15.06.2021, con priorità ad Associati FAR-SR.

Per prenotazione posti telefonare al 339 7936725 o al 339 2997915 

PROGRAMMA ATTIVITA’ 2021

E’ on-line il programma attività FAR per il periodo maggio – dicembre 2021

CLICCA QUI PER SCARICARE

Carlo Baldi – Giovanni e Teresa

Amore, storia e fermenti nella seconda metà del ‘700

BORSA DI STUDIO Far-Resto del Carlino

Famiglia Artistica Reggiana Studium Regiense e il Resto del Carlino, grazie al contributo di un cittadino, mettono a disposizione 1.000 euro per la migliore ricerca approfondita straordinaria figura di Rosa Manganelli, la donna che scatenò la rivolta da cui nacque la Repubblica Reggiana (meglio ancora se sarà una tesi di laurea)

La ricerca dovrà essere consegnata o spedita entro il 30 novembre 2020 alla redazione del Resto del Carlino, via Crispi 8, 42121 Reggio Emilia, cronaca.reggioemilia@ilcarlino.net.  Info: 0522/443711.
Le opere saranno esaminate da una commissione composta da Carlo Baldi (Famiglia Artistica Reggiana), Saverio Migliari (capocronista della redazione reggiana del Resto del Carlino) e un professore di storia moderna.

Rosa Manganelli, la donna che scatenò la rivolta da cui nacque la Repubblica Reggiana, «è una figura chiave nella rivoluzione reggiana del 1796 – dice Carlo Baldi – e potrebbe, come la Marianne francese, essere presa a simbolo della Repubblica Cispadana e affiancata alla Bandiera Tricolore. Purtroppo, dalle pubblicazioni anche storiche in commercio molto poco si sa, anche se il suo nome appare spesso in molte decisioni e fatti di questo periodo storico».

L’episodio che rese famosa Rosa Manganelli, di Montecavolo, fu la lite esplosa il 20 agosto 1797 con un soldato estense. Erano giorni di alta tensione per le pesanti tasse imposte a seguito di un armistizio tra la Reggenza nominata dal fuggitivo duca Ercole III d’Este e i francesi. Dalla lite dell’ortolana si accese la rivolta che costrinse le truppe modenesi ad abbandonare Reggio.  Il 25 agosto l’albero della Libertà fu alzato in piazza Grande, il 26 nasceva la Repubblica Reggiana.

ECCO IL VINCITORE!!

Lorenzo Bonvicini, studente ventitreenne appena laureato in Storia all’Università di Bologna è il vincitore della borsa di studio sulla migliore ricerca approfondita straordinaria figura di Rosa Manganelli, la donna che scatenò la rivolta da cui nacque la Repubblica Reggiana.

         

BUONE VACANZE!!

 

Concerti e Caffè del giovedì riprenderanno a Settembre!!

FAR-STUDIUM REGIENSE vi augura

 

 

Giochi e spettacoli nel mondo antico, convegno archeologico internazionale – sabato 24 marzo 2018

Oratorio della Trinità, via San Filippo 14 Reggio Emilia

IL PROGRAMMA DEL CONVEGNO 

• 9.30 Saluti di C. Baldi (Presidente della Fondazione F.A.R. Studium Regiense) e delle Autorità) via San Filippo 14 a Reggio Emilia
• 10.00 Inizio dei lavori
I sessione: Novità dall’Italia. Fra scavi, fonti antiche e nuove tecnologie
Moderatore Roberto Macellari (Università di Parma)
• 10.15: C. Calastri (AnteQuem; Archeoimprese), Archeologia di cantina: la scoperta dell’anfiteatro di Bologna
• 10.35: R. Curina, M. Molinari, C. Negrelli (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Ferrara e Reggio Emilia), Dalla fotografia aerea allo scavo archeologico: il teatro romano di Claterna
• 10.55: E. Sorge (Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le Province di Pisa e Livorno), La scoperta dell’anfiteatro di Volterra
• 11.15: R. Tosi (Università di Bologna), I Proverbi antichi riguardo gli spettacoli ed i giochi
•11.35 Coffee break
• 11.55: P. Blockley; G. Mete (Ra.Ga s.r.l.), M. Camorani (G.S.T. srl), P. Storchi (Sapienza Università di Roma-Scuola Archeologica Italiana ad Atene), Elementi di novità dal reggiano
• 12.15: D. Dininno (Università di Pisa), Il Circo Massimo nell’ambito urbanistico della Regio XI
• 12.35: L. Marsicano, S. Onofri (Sapienza Università di Roma), M. Montanari (Open History Map), Interagire con il passato: il caso del circo di Massenzio
12.55: Lunch
II sessione: Nuove prospettive nella ricerca italiana
Moderatore Stefano Maggi (Università di Pavia)
• 14.15: M. Bianchini (Università della Campania L. Vanvitelli), Il ruolo dell’opus caementicium nel processo evolutivo dell’architettura anfiteatrale
• 14.35: G. Legrottaglie (Università Cattolica di Milano), L’anfiteatro di Milano fra città e ager
• 14.55: M. Balbo (Università di Torino), P. Storchi (Sapienza Università di Roma-Scuola Archeologica Italiana ad Atene), Divertirsi nelle campagne. Il curioso caso dell’ ”Ager Saluzzensis”
• 15-15: S. De Francesco, S. Jorio (Soprintendenza archeologica per le province di Lodi, Cremona e Mantova ), G. Mete (Museo archeologico di Laus Pompeia), L’anfiteatro di Laus Pompeia, tra scavo e geofisica
• 15.35: D. Iacobone (Politecnico di Milano), Il destino degli anfiteatri dopo l’antichità, nuovi dati
III sessione: Principali novità dalle Province dell’Impero e fuori dal mondo romano
Moderatore Damiano Iacobone (Politecnico di Milano)
• 16.15: T. Wilmott (English Heritage), Anfiteatri e campi militari in Britannia
• 16.35: T. Hufschmid (University of Basel), Giochi e svago nella Svizzera romana
• 16.55: D. Bomgarder (University of Winchester), Una rilettura del concetto di anfiteatro nel mondo romano
• 17.15: J. Sales-Carbonell (Universitat de Barcelona), Ipotesi di riconoscimento dell’anfiteatro di Barcino.
• 17.35 G. Carosi (Sapienza Università di Roma), Edifici da spettacolo in area maya, un’analisi topografica

Estate 2017

Mostra Fotografica “JUAN BOSCO MAINO CANALES” – circuit off

JUAN BOSCO MAINO CANALES
“CON OCCHI DI DESAPARECIDO”
LO SGUARDO DI JUAN BOSCO CANALES

a cura di Lino Rossi

Promossa da Ambasciata del Cile in Italia, Famiglia Artistica Reggiana – Studium Regiense, Liceo Canossa.

La mostra ripercorre il malessere sociale del Cile degli anni Settanta, scolpito nei volti e nelle figure dei bambini, degli uomini e delle donne, alla ricerca di un riscatto e di una dignità perduti lungo una estenuante esperienza di privazioni e di soprusi patiti da intere generazioni. Volti di bambini strappati all’infanzia e consegnati alla vita adulta senza alcuna pietà. Mendicanti di tenerezza e di giusto riconoscimento.

Viene effettuata grazie alla disponibilità dell’Ambasciata Cilena in Italia, a cui vanno i nostri ringraziamenti, la quale ha concesso il patrocinio, insieme al Comune di Reggio Emilia.

F.A.R – Studium Regiense Fondazione
Oratorio San Filippo Neri  via San Filippo 14  REGGIO EMILIA

L’INAUGURAZIONE – Sabato 6 maggio 2017





Page 1 of 212
Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Youtube